Simply

sabato 10 ottobre 2015

Charlie e la scuola di vela, seconda parte - scene dal precariato lavorativo

Il tesseramento era la fase cruciale del processo di iscrizione dei ragazzi; poichè questo avveniva per via telematica, era facile che il sito fosse sovraccarico (come quello dell'INPS), o peggio ancora che il poppante in questione risultasse tesserato presso un altro circolo velico

Questo era un problema, un grosso problema, poichè era inevitabile dover comunicare all'impaziente procreatore, che era necessario avere il nulla osta del circolo di appartenenza per procedere con l'iscrizione.

La notizia aveva l'effetto devastante del napalm sul genitore già scocciato di dover aspettare i comodi del sito, la voce cominciava ad alterarsi, a mettersi in falsetto: " E allora, che problema c'è? Guardi le faccio una dichiarazione di mio pugno in cui io genitore mi prendo ogni responsabilità...."
" Ma guardi, che non si può fare così", rispondeva Zoe, " se il tesseramento è stato effettuato presso un altro circolo velico, e la tessera è scaduta, è necessario il nulla osta del circolo di appartenenza, perchè la F.I.V. fa continuamente controlli e se dovesse succedere qualcosa durante il corso, la responsabilità ricade sul circolo che ha effettuato in maniera non idonea il tesseramento".
Parole gettate ai porci,  fiato sprecato, diaframma usato inutilmente, la risposta era: " Lei non sa proprio nulla sul tesseramento, facciamo questa iscrizione che il bambino vuole le magliette della scuola vela!"

" Guardi evidentemente conosco le regole meglio di lei, anzi vedo che anche il certificato medico che ha portato è scaduto tre giorni fa, quindi non possiamo proprio fare nulla, chiami il suo circolo velico e si faccia mandare qui il nulla osta, e poi vada alla Asl a farsi fare un nuovo certificato, perchè siamo del tutto fuori regola".
" Si si intanto pago e poi le faccio avere tutto" esordì il parente. " No, non può pagare prima di aver consegnato il nulla osta e il certificato" diceva Zoe.

"Voglio parlare con il direttore, perchè con lei ragazza non si arriva a nulla, non sa chi sono io!"
A Zoe salì la pressione per quell'ostinata ignoranza o presunta tale e replicò: " Guardi non importa a nessuno di chi è lei, queste sono le regole e valgono per tutti, mi sono spiegata?"
"Voglio il direttoreeeeee!" urlò il bizzoso creatore del bambino, cercando di raccogliere consensi dagli altri genitori che imbufaliti dall'attesa, aspettavano davanti al desk con il naso attaccato all'isterico impastatore di bambini.
Bosley era uscito dalla porta di servizio e Zoe era sola con l'inferocito leader del gruppo "genitori contro la legge", come fare ad indurlo alla ragione?

Arrivò il direttore: Charlie in persona era piombato in ufficio cercando indarno Bosley, e, trovatosi di fronte agli insorti, guardò Zoe e le disse: " Bambina rossa dobbiamo fare il fax alla Capitaneria di Porto, fra poco parte la regata!" e, presala per un braccio la portò nel back office.
Il gruppo dei genitori urlò in coro: " Ma insomma direttore, ci siamo prima noi, e poi la ragazza non vuole tesserarci perchè facciamo parte di un altro circolo!"

" E ha fatto bene cari signori, ci vuole il nulla osta, il nulla osta! E ora andate via che qui ho io la precedenza" ridacchiò Charlie
" Ma lei caro direttore, non sa chi sono io......!!!" proferì il genitore.
" Non me ne importa un fico secco di chi è lei, le regole sono queste per lei e per tutti, e io continuo ad avere la precedenza".
E canticchiando queste simpatiche paroline, Charlie si portò Zoe a fare il fax e buttò fuori gli scapestrati genitori.


5 commenti:

  1. Trovo sempre più interessante ed affascinante questo personaggio cosi istrionico ed a volte bizzarro, cime qundo nonostanre tutto si prodigo' per mettere su il banchettare di fine regata. Sbalordisce la sua onnipresenza ad ogni situazone clou mai fuori luogo e mai inopportuna...poi, il tutto narrato con cosi pregevole maestria, rende la lettura oltremodo piacevole e rilassante. Brava! Chissà cosa ne penserebbe Charlie se un giorno potesse leggere se stesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Vito, spesso me lo domando: cosa penserebbe charlie se leggesse tutto ciò? Sno sicura che il suo sense of humour ne sarebbe appagato, e anche la sua vanità

      Elimina
  2. Penso che Charlie sia un personaggio superlativo, e Zoe degna segretaria!
    Mi piacciono questi due personaggi, li ammiro.
    Brava Silvia...come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gala, Zoe e Charlie, così diversi eppure così simili..... E tu che che conosci così bene Zoe, puoi capire appieno le sfumature delle sue emozioni

      Elimina
  3. Stai cercando un lavoro o sei insoddisfatto di quello che hai? Scopri come ottenere tutto quello che vuoi! Chi ha un minimo di speranza, chi crede in qualcosa di diverso, chi crede che il cambiamento sia possibile, può vincere o perdere, chi si arrende e si mette in disparte perde solamente!
    Qualcuno ha detto: “Se vuoi raggiungere un risultato, cerca qualcuno che l’ha già raggiunto e fatti spiegare come ha fatto. Poi fai lo stesso”. Da qui http://www.lavoroadesso.it scarica gratuitamente la risorsa che abbiamo preparato per te!

    RispondiElimina

Qualunque sia la modalità che vi ha portato su questa paginetta, vi invito a restare e a leggere i miei racconti e le mie poesie.
Cerco di comunicare tutta me stessa e spero che le mie emozioni arrivino anche a voi.
Lasciate traccia del vostro passaggio, un commento o anche solo una parola, sapere che anche una frase o un solo verso vi ha lasciato qualcosa significherà aver toccato le corde del vostro cuore.
Buona lettura,
Silvia

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.